La versión de su navegador no está debidamente actualizada. Le recomendamos actualizarla a la versión más reciente.
Los campos marcados con * son obligatorios.

COSTITUIRE UNA SOCIETA' A MADEIRA  (PORTOGALLO)

Madeira è un arcipelago nell'oceano Atlantico al largo della costa africana, facente parte del Portogallo, che gode di un particolare regime fiscale per le imprese lì domiciliate.

Abbiamo due possibilità destinate a  imprenditori differenti:

- Regime generale: tassazione 11,9% fino a 25.000€ - 14,7% da 25.000 in su.

a ciò bisogna aggiungere lo 0,5% per imposta municipale (solo per volumi  d'affari superiori a 150.000 €). In pratica significa che su un utile di 50.000 € si paga il 13,3%, su un utile di 100.000€ il 14,5%,  su un milione di euro si paga il 15,4 % (questi dati sono puramente indicativi)

- Regime “Centro Internazionale d’affari Madeira”(CINM) che prevede una tassazione del 5%, che tuttavia ha dei limiti differenti legati al numero di dipendenti assunti (es: se si assumono 1 o 2 dipendenti il 5% si applica sui primi 2,73 milioni di euro, se i dipendenti sono da 3 a 5 il limite sale 3,55 milioni di euro e cos¡ via al crescere delle assunzioni. Inoltre si richiede un investimento di almeno 75.000 euro. Vi sono poi altri vincoli che a mio giudizio non fanno ritenere il CINM particolarmente attrattivo.  (Chi fosse comunque interessato ad operare a con tale regime mi contatti per informazioni e preventivi)

 

Più interessante il REGIME GENERALE che costituisce uno strumento a disposizione di di piccole imprese o lavoratori autonomi per fatturare servizi o vendite in ambito internazionale.

i punti di forza della  " sociedade por quotas" (Lda)  a Madeira ,equivalente alla SRL italiana,  sono:

- Madeira non è considerata paradiso fiscale ed è considerato territorio europeo, quindi è possibile ottenere il VIES, questo vieneassegnato automaticamente a differenza di altri paesi.

- Non ci sono grandi difficoltà ad aprire bancari societari a non residenti

capitale sociale ridotto (minimo 2€ che diventano 1€ se la società è unipersonale. Personalmente consiglio di non scendere sotto 1000€ 

- limitazione della responsabilità al capitale sociale (capitale minimo 2 Euro)

- Strumento snello, di facile gestibilità con costi ridotti

- L’amministratore è tenuto a versare i contributi sociali che tuttavia sono attualmente di circa 155€, la metà o anche meno di ciò che si versa in Italia o Spagna, essendo poi in Europa è applicabile il Regolamento Europeo per cui se si versano già in Italia si può evitare di versarli.

- Ritenuta sui dividendi: residenti in Italia 15%